Parole NONdette – No Books – Trasparenze

Acqua_acqua marinaParole NONdette – No Books – Trasparenze
Ogni negazione implica una presenza.
Libri negati… trasformati dalla capacità di trasgredire le regole, di formulare il senso e il livello percettivo.
Libri Oggetto – Libri d’Artista
Il libro rinasce in una materia diversa, liquida, fusa, traslucida.
Un libro illeggibile, oggetto di fruizione estetica e portatore di energie diverse.
Trasparenze vitree e colori sono tramiti di energie universali, che nascono dagli elementi  Acqua, Legno, Fuoco, Terra, Metallo. In perenne mutamento come la vita.
“L’Universo non è tenuto a essere bello, eppure lo è. “ Francoise Cheng
Trasparenze: La luce illumina e dona la vita a ciò che appare immobile e freddo.
“Il mare esprime l’immenso dispiegarsi, la montagna inghiotte e rigetta, la montagna si piega e si declina.” Shitao
L’energia è pervasa da un’animazione interna. Anche la pietra più dura muta nel tempo in un movimento perpetuo del divenire della forma. Forma e dissoluzione legati da un processo continuo, che l’artista è chiamato a seguire. L’energia pervade ogni materia, ogni colore e il grado di “condensazione” dell’energia vitale si concentra nelle montagne, si fluidifica nell’elemento acquoso.
Anita Cerpelloni

 

retro definitivoPresentazione
Risale al 1996 il primo importante legame fra l’artista Anita Cerpelloni e il Museo del Vetro. Vent’anni fa collaborò infatti alla progettazione del giardino che oggi incornicia il Museo del Vetro ora sede della sua personale “Parole NONdette- NO BOOKS-Trasparenze”.
Le opere presentate si inseriscono perfettamente nel suggestivo contesto legato allo spazio museale dove il silenzio diventa il protagonista di uno scenario senza tempo. In un luogo ideale, quindi, dove l’arte vetraria muranese non necessita di commenti si potranno vedere altre opere, quelle di Anita Cerpelloni, che decodificano l’interiorità intellettuale trasfigurata proprio grazie al vetro. L’artista ci stupisce accompagnandoci in un altro versante creativo dove il vetro è sia mezzo che fine per condurre l’osservatore verso i meandri di quanto può suggerire un testo scritto: la parola, il comprendere e il trasmettere. Ogni elemento diventa motivo di riflessione perché in ogni opera tutto è racchiuso come in uno scrigno che attende il coraggio analitico del visitatore catturato dall’opportunità di relazionarsi con la creatività grazie alla quale potrà trovare, a prescindere, un’interconnessione visiva e spirituale.

Dott.ssa Chiara Squarcina – Direttrice del Museo del Vetro a Murano

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...