Le città invisibili

L’inspirazione di questo progetto espositivo parte proprio dal libro di Italo Calvino “Le città invisibili”, riferimento per la produzione di 5 libri “trasformati” e alcuni quadri ad olio, che prendono a riferimento emozioni e sensazioni ineffabili e profonde.

L’artista, Anita Cerpelloni, di formazione architetto e con un percorso personale nel campo delle arti applicate e del design, ha concepito architetture di carta trasformando dei libri da macero in opere inserite in tele di canapa.

Inaugurazione il 2 giugno 2016.

le città invisibili

Fantasia

DSC_1108

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...